Io desidero che tu prosperi in ogni cosa, che tu goda buona salute, così come prospera la tua anima (3Gv2)1 Tavola di Studio e Confronto2 Testimonianze di Fede e Guarigione3 Preghiera di Intercessione4 Video-Corsi di Form-Azione5 Preghiera e Arte6 Consulenza Skype7 Ebook di Form- Azione Spirituale8 Mp3-Risorse Audio9 Dio ama chi dona con gioia10

GERBLOG - GerMission- Associazione Gesù è risorto

Vai ai contenuti

PIL o... PIF ? Perchè tanto "mal di vivere"?

GerMission- Associazione Gesù è risorto
Pubblicato da in Le Riflessioni · 25 Marzo 2018
Tags: RobertoAitaSvizzeramaldiviverePILPIFProdottointernofelicitàpersonefeliciMissione
[image:image-0]PIL o PIF ? Io e la mia famiglia viviamo in Svizzera, un Paese che ha goduto, grazie alla sua neutralità, tempi di pace e di benessere. In genere quando si parla di benessere si intende solo, purtroppo, il benessere economico. In questa società globalizzata sembra che il denaro sia il "termometro" del benessere della persona. Ma non è così. La Svizzera detiene il triste record dei suicidi, soprattutto tra i giovani. Come leggere questa apparente incongruenza?
Già nel lontano Marzo del 1968 (tre mesi prima di essere ucciso) il senatore americano Bob Kennedy disse: " Con troppo insistenza abbiamo parlato del PIL (prodotto interno lordo)...ma il PIL non misura la nostra felicità..." Dovremmo forse sostituire al PIL il PIF (Prodotto interno felicità)? Sono stato in India, in Srilanka e da altre parti in Missione, ho visto persone felici. Felici nel poco. Non sto affermando che la povertà è bella, sto affermando che non sempre il possesso delle cose rende davvero le persone più felici. Le Scritture ci insegnano nella Sapienza di Dio che il problema non è il possesso dei beni; il vero problema è se siamo noi posseduti dai beni materiali, se viviamo per essi. Questa continua rincorsa, avida pazzìa, che rende troppi perennemente insoddisfatti e infelici. Che sia il caso di invertire la rotta, ritornando al PIF del Maestro dei Vangeli? Se vuoi, condividi il tuo pensiero....

Tutto è possibile a chi crede



Nessun commento

Torna ai contenuti