Io desidero che tu prosperi in ogni cosa, che tu goda buona salute, così come prospera la tua anima (3Gv2)1 Tavola di Studio e Confronto2 Testimonianze di Fede e Guarigione3 Preghiera di Intercessione4 Video-Corsi di Form-Azione5 Preghiera e Arte6 Consulenza Skype7 Ebook di Form- Azione Spirituale8 Mp3-Risorse Audio9 Dio ama chi dona con gioia10

GerBlog - GerMission- Associazione Gesù è risorto

Vai ai contenuti

Un granello di senape

GerMission- Associazione Gesù è risorto
Pubblicato da Roberto Aita in Le Riflessioni · 1 Settembre 2021
Tags: robertoaitagraznellodisenapefedegesù
Un granello di senape



Oggi è un gran parlare tutt’intorno
 
di Covid, No Vax, Pro Vax,
 
decadenza dell’Occidente,
 
talebani, USA, Kabul, ecc….

 
 
Io non sono stato chiamato
 
a parlare di queste cose.
 
Per fortuna, aggiungo io.
 
già altri più competenti di me
 
o presunti tali, ne parlano.

 
 
Li lascio parlare. Gesù non parla. Lui dice.
 
C’è una sostanziale differenza tra parlare e dire.
 
Così come c’è tra sentire e ascoltare.
 
Gesù dice e chiede di essere ascoltato.

 
 
Qualche mese fa un’anima inquieta e pia
 
mi ha detto: “Non solo tu. Anche il mio parroco
 
porta bei messaggi nelle sue omelie”
 
“Bene” le ho risposto “Sappi però che se dicesse
 
le cose del Vangelo che dico io,
 
perderebbe il posto!”



S 'incontrano persone (sempre meno per la verità)
 
che dicono: io vado sempre in chiesa la domenica,
 
io ricevo i sacramenti, mi confesso
 
regolarmente e ho tanta, tanta fede.
 
 
Cos' è la fede? Una pratica religiosa?
 
E’ questa fede che cambia in meglio
 
la vita delle persone? E’ questa fede
 
che guarisce? Non sembra.

 
 
A volte le persone più tristi si incontrano
 
proprio in Chiesa! Preti tristi, omelie
 
soporifere, gente grigia che confonde
 
la tristezza con la serietà e il rispetto.

 
 
Se c’è un luogo nel quale non si deve
 
esprimere una gioia autentica
 
è proprio il luogo di culto cristiano.
 
Tristezza e noia avvolgono in un manto mortale.



E’ questa la fede? Questa millantata
 
fede che non sposta un granello di polvere
 
e non produce un millesimo di gioia?
 
Questa è religione esteriore, non fede.

 
 
In verità vi dico: chi dicesse a questo monte:
 
Lèvati e gettati nel mare, senza dubitare in cuor suo
 
ma credendo che quanto dice avverrà, ciò gli sarà accordato.
 
Per questo vi dico: tutto quello che domandate nella preghiera,
 
abbiate fede di averlo ottenuto e vi sarà accordato.(Mc 11,23-24)

 
 
Il monte è un problema nella vita.
 
Più guardi al monte più esso s’innalzerà,
 
fino al punto di apparire invincibile.
 
O il monte vince te, o tu vinci lui.

 
 
La fede del cuore ha autorità in Gesù.
 
La fede intima al monte di spostarsi e
 
di sprofondare nel mare. La fede
 
in Gesù è vincente, non perdente.

 
 
La fede non dubita. Parla e crede.
 
Al monte parla e crede che avverrà
 
la sua sconfitta. Come crede avverrà.
 
La fede crede prima di vedere.

 
 
Troppi vogliono vedere per credere.
 
La fede crede per vedere.
 
La fede è fondamento delle cose che si sperano
 
e prova di quelle che non si vedono. (Eb 11,1)

 
 
La fede è più della speranza. E’ certezza.
 
E’ certezza interiore che avverrà.
 
E’ già una prova interiore di una cosa
 
che l’occhio umano non vede ancora.

 
 
Perché coloro che sembrano avere
 
tanta fede non spostano nulla?
 
Gesù non ha mai parlato di tanta fede,
 
ha detto che ne basta un granello.

 
 
Il granello più piccolo, di senape,
 
di fede ha un potere immenso!
 
Non tanta, ma buona! Un granello
 
sposta tonnellate di problemi!

 
 
In verità vi dico: se avrete fede pari a un
 
granellino di senapa, potrete dire a questo monte:
 
spostati da qui a là, ed esso si sposterà,
 
e niente vi sarà impossibile. (Mt 17,20)

 
 
Tutto è possibile con la fede!
 
“La tua fede ti ha guarito” dice Gesù
 
a coloro che hanno ricevuto.
 
Non dice: la mia fede, dice: la tua fede.



Le fede non è una pratica religiosa
 
esteriore, spesso così inefficace.
 
La fede del cuore, in Gesù è efficace.
 
E’ una fede attiva e operante.

 
 
Ciò che credi nel tuo cuore, avverrà.
 
Credilo, pensalo, chiamalo ad esistere.
 
Vi sia fatto secondo la vostra fede.(Mt 9,29)
 
Va' e ti sia fatto come hai creduto»(Mt 8,13)

 
 
 
Roberto Aita






5.0 / 5
2 recensioni
2
0
0
0
0

Slvano
02 Set 2021
AMEN
Grazia
09 Set 2021
Sono d'accordo che c'è una differenza sostanziale tra religione esteriore e vera fede. Incontro anch'io spesso persone che vanno sempre a messa o che si dicono credenti ma che di fatto sono sempre negative, lamentose e insoddisfatte in generale. Tutti più o meno ne siamo coinvolti. Mi dico che forse c'è qualcosa che non va. Questo è un articolo che deve farci smuovere, deve invitarci tutti a seguire quello che dice Gesù. Ed è un impegno e anche uno sforzo quotidiano. Ma che vale la pena fare.
Torna ai contenuti