Io desidero che tu prosperi in ogni cosa, che tu goda buona salute, così come prospera la tua anima (3Gv2)1 Tavola di Studio e Confronto2 Testimonianze di Fede e Guarigione3 Preghiera di Intercessione4 Video-Corsi di Form-Azione5 Preghiera e Arte6 Consulenza Skype7 Ebook di Form- Azione Spirituale8 Mp3-Risorse Audio9 Dio ama chi dona con gioia10

GERBLOG - GerMission- Associazione Gesù è risorto

Vai ai contenuti

Carpe Diem

Carpe Diem . Dio vede il meglio di te. Può darsi che a volte non riesci a controllare il tuo carattere come vorresti. Cerca il perdono di Dio o di chi hai ferito con parole che non avresti voluto dire, credi nel Suo perdono, non vivere nella condanna. Cammina a testa alta sapendo che sei un vaso che Dio tiene nelle Sue mani per plasmare.
La vita è fatta di persone che salgono sul treno delle opportunità e di altre che aspettano alla stazione, con la valigia pronta, il prossimo treno che spesso...non arriva mai!
Siamo circondati da persone che hanno i "buoni propositi" e dicono: domani cambierò, domani farò, domani riuscirò,ecc.. Il mondo è pieno di persone, anche credenti, che procrastinano. Hanno l'intenzione, ma non passano all'azione! Il noto aforisma attribuito a Karl Marx: "La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni" è la triste realtà dei più.
Ma per me non è così. Per te, se vuoi, non è così.
Roberto Aita | 1/4/2018

Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire

Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire ci sentiamo rimproverare quando non vogliamo sentire cose che non ci piacciono.
Ma essendo questo il blog del "Tutto è possibile a chi crede" condivido con te questo pensiero: a volte è bene essere sordi!!!
Hai letto bene: è un bene a volte fare i sordi! Così ci insegna la storia della gara dei ranocchi.
La gara dei ranocchi consisteva di arrivare in cima a una torre.
Si radunò molta gente per vedere e tutti pensavano che fosse impossibile per i ranocchi raggiungere la cima.
Tutto quello che si ascoltava erano frasi del tipo: "Che pena !!! Non ce la faranno mai!". Uno a uno i ranocchi cominciarono a desistere, dandosi per vinti, tranne uno che continuava a cercare di raggiungere la cima.
Roberto Aita | 29/3/2018
Torna ai contenuti