Io desidero che tu prosperi in ogni cosa, che tu goda buona salute, così come prospera la tua anima (3Gv2)1 Tavola di Studio e Confronto2 Testimonianze di Fede e Guarigione3 Preghiera di Intercessione4 Video-Corsi di Form-Azione5 Preghiera e Arte6 Consulenza Skype7 Ebook di Form- Azione Spirituale8 Mp3-Risorse Audio9 Dio ama chi dona con gioia10

GERBLOG - GerMission- Associazione Gesù è risorto

Vai ai contenuti

Ritrovare la Luce

GerMission- Associazione Gesù è risorto
[image:image-0]Ritrovare la Luce.
Buongiorno a tutti! Sono un cantautore rock, il mio nome di Battesimo è Marco ma da tempo ho scelto il nome d’arte di Holygold.

Ho avuto la gioia di conoscere Roberto Aita grazie ad un mio carissimo amico, Stefano Mendogni, che tanti anni fa per Natale mi regalò  un libro dallo strano titolo, “I 7 sigilli del risveglio”.

All’epoca, di Dio mi interessava ben poco, ero rimasto deluso dalla Chiesa e dalla poca gioia che comunicava. Avevo smesso anche con la “abitudine” della Messa, e preda di una sete spirituale davvero forte mi ero buttato alla ricerca di qualunque cosa fosse in grado di placarla. Mi ero, in particolare, rivolto alla New Age e al Taoismo, con frequenti escursioni nel campo del Reiki. Credevo fermamente nell’Astrologia, studiavo e leggevo i Tarocchi. Ancora inconsapevole della nostra attitudine ad essere “calamite”, attiravo a me tutte le sfortune che credevo di leggere negli astri e nelle carte, e ovviamente questo non faceva che rafforzare in me la convinzione che proprio lì fosse scritta la verità.

Infine, grazie all’enorme passione per la musica Hard Rock ed Heavy Metal che coltivavo sin dalla tenera età di 9 anni, avevo preso estrema confidenza con i simboli satanici e magici che molto spesso gli artisti del genere (incautamente) utilizzano, oltre che con le malsane abitudini collegate alla falsa idea di libertà di molti rockers (alcool, fumo, serate da sballo e via dicendo).

E’ ovvio come, in un contesto del genere, “I 7 sigilli del risveglio” finì a prendere polvere su uno scaffale,  per rispuntare anni dopo, nell’ambito di uno dei tanti traslochi che hanno caratterizzato la mia vita. Iniziai a leggere, e cominciai a trovare quelle righe estremamente interessati ed intriganti. Mi sentivo avvolto da quel “sonno” tante volte citato nel libro, e avevo una gran voglia di risvegliarmi.

E’ così che presi la decisione di chiedere a Stefano qualche delucidazione in più su quella sigla, “GER”, che tante volte avevo visto associata a lui. Mi invitò ad un incontro di catechesi e preghiera a Parma, e fu lì che vidi per la prima volta Roberto. Provai immediatamente un forte senso di gioia e istintiva simpatia, stavo bene, sentivo la voglia di approfondire.

Il Signore ci ha messo un po’ a svegliarmi, è stato un processo progressivo, ma ad un certo punto è successa una cosa particolare: tra le varie canzoni negative, deprimenti o rabbiose che usualmente componevo, in modo assolutamente spontaneo è nata Find Again The Light (che vi invito ad ascoltare nello splendido video realizzato proprio con la collaborazione di GER ONLUS).


Ero stato toccato nel profondo dai racconti di quello che succedeva a Medellin e di come GER, con la straordinaria collaborazione di Padre Giuseppe, gestisse fra mille difficoltà la casa di accoglienza “Ger Children – L’albero” in Colombia.

[image:image-1]Mentre tutto questo succedeva, il mio interesse per il Signore aumentava a dismisura, ho cominciato a seguire assiduamente gli incontri di Parma e a partecipare a numerosi seminari organizzati da Roberto Aita. Ho cominciato, preso da estremo interesse e da un’incredibile attrazione quasi “magnetica”, a leggere la Bibbia, dalla prima all’ultima pagina. Non posso dire di averci messo pochi giorni, ma sono stato perseverante e arrivato in fondo ho sentito un solo desiderio, quello di ricominciare da capo.

Ho chiesto a Roberto e Stefano una preghiera personale di liberazione, perché sentivo che tutta la negatività che avevo accumulato in anni di “incauto gioco” con simboli e strumenti magici continuava a pesarmi sull’anima. E’ stata un’esperienza straordinaria, al termine della quale ho sentito lo Spirito Santo pervadermi con la sua gioia incontenibile e non riuscivo a smettere di ridere. Sembravo davvero ubriaco (cosa che poi ho scoperto essere successa anche agli Apostoli dopo la Pentecoste, quanto la gente li guardava con diffidenza credendo fossero ebbri). Devo ammettere che è stata in assoluto la sbornia più bella di tutta la mia vita, e certamente l’unica ad avere prodotto effetti così belli e positivi.

Se dovessi descrivere tutto quello che è successo nella mia vita grazie al Signore potrei scrivere un libro, cosa che effettivamente e probabilmente farò! Ma qui lo spazio è poco, e non posso fare altro che ringraziare Roberto per i suoi preziosi insegnamenti. Per chi vorrà, ci vediamo agli incontri mensili di Parma, nell’ambito dei quali collaboro suonando e cantando con gioia.

Ho imparato che Dio è davvero meraviglioso, e che vuole veramente trasformare la nostra vita. Mi ha liberato da tutto quello che prima consideravo “libertà”, ed era invece pura schiavitù. Nello stesso tempo ho però capito quanto siano importanti il nostro consenso e il nostro contributo attivo al Suo progetto. Ho smesso di lamentarmi e di stare ad aspettare un giorno migliore….mi sono rimboccato le maniche e ho fatto sì che gli insegnamenti che ascoltavo germogliassero come semi, diventando pensieri, parole e azioni. Ora sto imparando a governare i miei pensieri, e ad allontanare deliberatamente quelli negativi e depotenzianti. Allineo cuore e mente alla parola di Dio (cordial-mente, come ci insegna Bob), e agisco. Stupendo, stupefacente. La vita mi sorride, una cosa che un tempo mi sembrava semplicemente impossibile.

Tutto questo si sta ovviamente ripercuotendo anche nella mia musica, i brani che sto scrivendo adesso sono così diversi dal passato. Probabilmente le mie canzoni saranno la migliore testimonianza di questo straordinario percorso, e sarò lieto di condividerle con tutti voi. Sto preparando il mio disco più bello e importante, e sono molto emozionato.

Nel frattempo, visto che Roberto mi aveva manifestato la volontà di inserire la musica nei suoi siti, vi regalo la versione “solo musica” di Find Again The Light, sperando che vi piaccia e che, perché no?, che possa accompagnare qualcuno in uno straordinario percorso di riscoperta di quella luce meravigliosa che è presente in ognuno di noi. Pensare qualcosa di negativo su noi stessi, infatti, è un’immediata offesa a Dio, visto che ci ha creati “a Sua immagine”. Dunque, come ci rammenta sempre Bob, sorridiamo tutti, e allo specchio ricordiamoci ogni mattina di quanto siamo “stupendi e meravigliosi”.

Cordialmente,

Holygold

Tutto è possibile a chi crede



Nessun commento

Torna ai contenuti