Io desidero che tu prosperi in ogni cosa, che tu goda buona salute, così come prospera la tua anima (3Gv2)1 Tavola di Studio e Confronto2 Testimonianze di Fede e Guarigione3 Preghiera di Intercessione4 Video-Corsi di Form-Azione5 Preghiera e Arte6 Consulenza Skype7 Ebook di Form- Azione Spirituale8 Mp3-Risorse Audio9 Dio ama chi dona con gioia10

GERBLOG - GerMission- Associazione Gesù è risorto

Vai ai contenuti

Noi siamo il nostro nemico. Quale futuro?

GerMission- Associazione Gesù è risorto
[image:image-0]Noi siamo il nostro nemico. Quale futuro?
Antefatto.  Mi trovavo negli USA nel 2004 con Loira e parlavo a conoscenti di Oriana Fallaci e del suo libro "La rabbia e l'orgoglio". Erano ignari di lei e del libro, per cui entrai in una libreria e ne acquistai una copia di: "The rage and pride" che donai incoraggiandone la lettura. La Fallaci, una donna atea stava "profetizzando" sull'Europa, l'Eurabia.
Oggi. Non ho voluto commentare sul blog "Je suis Charlie" e i fatti di Parigi.
Ho la netta sensazione che in Occidente stiamo vedendo, con sfumature diverse, il nemico fuori di noi. Io penso che invece il pericolo numero uno non è l'islamismo o la Jihad, ma il pericolo siamo noi! "Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito".

Abbiamo svenduto le nostre radici giudaico-cristiano che sono alla base della nostra civiltà. Il nemico non è all'esterno di noi, il nemico siamo noi stessi. "L'ambiguo concetto della tolleranza...non è altro che una parola manipolatoria, che mimetizza la propria mancanza di punti di vista...Non c'è da meravigliarsi che intellettuali islamici percepiscano il dialogo con i cristiani come una perdita di tempo, quando vedono quanto poco seriamente noi stessi prendiamo la nostra fede" (Peter Hahne- La festa è finita). "Io non temo la forza dell'Islam, bensì la debolezza dell'Occidente. Il Cristianesimo ha già in parte gettato la spugna" (Peter Scholl-Latour)

Il futuro immediato. L' Europa affronta massicci problemi e sfide a cui non è preparata.

Demografia. Le nascite degli Europei sono sotto il rimpiazzo della popolazione, una tendenza che, se continua, assicurerà il finale decesso del continente. Nelle scuole pubbliche attraverso la EU, specialmente in Belgio e Francia, gli immigrati Mussulmani fanno già più del 50% degli studenti. E con l'esplosiva nascita dei Mussulmani, l'Europa sarà sottomessa ad un drammatico cambio demografico in una generazione o due.

Religione. L'Europa è praticamente una società senza religione. Gli Europei non hanno nessuna fede, sono senza speranza e senza forza, perciò sono una facile preda a chi ostenta una fede forte.

Economia. Avendo nessuna fede e completamente dedicati al divertimento di se stessi, offrendo continuamente il loro essere al dio del divertimento, in tutti gli aspetti, sono nella più profonda decadenza .

Moralità. Avendo abbandonato la religione, la maggior parte degli Europei non sa quello che è giusto e quello che è sbagliato, tutto viene deciso da etiche situazionali e relativismo.

Militare. L'Europa ha attrezzatura e anche muscoli, ma è evirata in termini di risoluzione. Tutto quello che sembra fare sono "Missioni di Pace" e si svincolano immediatamente quando la situazione diventa dura.

Invasione. Gli immigranti musulmani sono ben oltre i 20-30 milioni e crescendo esponenzialmente, non possono essere assimilati (e non lo vogliono). Non c'è nulla che possa impedire loro di implementare la Sharīah in Europa e di fare il continente 'infedele' parte del dominio Islamico. "L'Islam prescrive uno stato che regoli tutti gli ambiti della vita" (Al Maudadi- La visione islamica della politica).

Quale futuro tu prevedi?  Queste sono le cose che i nostri TG e i media in genere non ci dicono. Nessuno sta dicendo che il problema non sono "loro", ma il problema siamo noi.

Io non termino questo articolo.
Vorrei che lo terminassi tu.
Che ne pensi?
Cosa fare?
Che epilogo scriveresti a questo articolo?

Scrivi la tua opinione o le tue idee nei commenti.

Diventa GerPartner e sostieni la Mission .

Roberto Aita

Tutto è possibile a chi crede





Nessun commento

Torna ai contenuti