Io desidero che tu prosperi in ogni cosa, che tu goda buona salute, così come prospera la tua anima (3Gv2)1 Tavola di Studio e Confronto2 Testimonianze di Fede e Guarigione3 Preghiera di Intercessione4 Video-Corsi di Form-Azione5 Preghiera e Arte6 Consulenza Skype7 Ebook di Form- Azione Spirituale8 Mp3-Risorse Audio9 Dio ama chi dona con gioia10

GERBLOG - GerMission- Associazione Gesù è risorto

Vai ai contenuti

Israele, orologio della storia

GerMission- Associazione Gesù è risorto
[image:image-0]Ha il diritto Israele di difendersi dai razzi di Hamas? Il conflitto in atto è terribile per i civili, che vengono usati come scudi umani dagli stessi terroristi. Per anni i terroristi di Hamas hanno costruito tunnel per poter entrare nel territorio di Israele.  In questi giorni circola in Israele una e-mail, naturalmente in ebraico, che riporta il racconto di un militare israeliano che sta combattendo a Gaza. La scrittrice israeliana Naomi Ragen ne ha fatto girare una traduzione in inglese che qui traduciamo in italiano:  "Io e i miei compagni avevamo catturato un certo numero di terroristi di Hamas. Quando li abbiamo interrogati, abbiamo chiesto loro: visto che avete costruito così tanti tunnel a 7/8 metri di profondità per entrare in Israele e raggiungere Beer Sheva, perché avete aspettato fino ad ora ad utilizzarli per i vostri attacchi terroristici e rapire o uccidere israeliani?

Questa è stata la loro risposta:  "Abbiamo costruito queste gallerie per dodici anni e stavamo aspettando il momento giusto, quando saremmo stati addestrati e pronti. Avevamo deciso che il momento giusto sarebbe stato quest'anno a Rosh Hashanà, 2014. Abbiamo scelto Rosh Hashanà perché la maggior parte dei soldati in quell'occasione ottiene il permesso per tornare casa, non ci sono molti militari di guardia ed è una vacanza di due giorni. I miliziani di Hamas sarebbero passati attraverso i tunnel che abbiamo costruito in dodici anni e avrebbero attaccato Israele. In ogni tunnel avremmo inviato due, tre dozzine di miliziani per catturare e rapire civili, donne e bambini, e portarli a Gaza attraverso i tunnel. Israele allora non avrebbe potuto bombardare i tunnel, a causa di tutti i civili israeliani che erano al loro interno. In questo modo avremmo occupato l'intero paese, governato Israele e ucciso tutti i sionisti. Per anni abbiamo pianificato questo e la cosa sarebbe avvenuta fra due mesi. I vostri attacchi su Gaza hanno distrutto i nostri piani."

Poi, non è sorprendente che il conflitto meno sanguinoso al mondo riscuota più del 90% dell'interesse internazionale? Così riporta il noto giornalista Magdi Cristiano Allam: http://www.ioamolitalia.it/editoriale/buongiorno-amici-non-e-sorprendente-che-il-conflitto-meno-sanguinoso-al-mondo-riscuota-piu%e2%80%99-del-90-dell%e2%80%99interesse-internazionale.html

Per chi come me conosce le profezie bibliche sa che Israele è l'Orologio della Storia. Molte profezie erano indecifrabili fino a poche decadi fa perchè lo Stato di Israele...non c'era! Infatti dal 70 d.C. e fino al 1948 lo stato di Israele cessò di esistere come nazione. Gli ebrei della diaspora hanno vissuto nei vari paesi, subendo persecuzioni di ogni tipo. Ma dopo l’Olocausto, l’ONU permette agli ebrei di ritornare in Palestina e allo Stato d’Israele di essere rifondato, dopo quasi 1900 anni!  Tutte le cartine geografiche stampate prima del 14 Maggio 1948 non riportavano la sua presenza: ora sì e sembra una presenza davvero  importante e...ingombrante! Il ritorno degli ebrei in Palestina è il “segno” più evidente di cui parlò Gesù riguardo la "fine dei tempi".



Nessun commento

Torna ai contenuti