Io desidero che tu prosperi in ogni cosa, che tu goda buona salute, così come prospera la tua anima (3Gv2)1 Tavola di Studio e Confronto2 Testimonianze di Fede e Guarigione3 Preghiera di Intercessione4 Video-Corsi di Form-Azione5 Preghiera e Arte6 Consulenza Skype7 Ebook di Form- Azione Spirituale8 Mp3-Risorse Audio9 Dio ama chi dona con gioia10

GERBLOG - GerMission- Associazione Gesù è risorto

Vai ai contenuti

Fino a quando?

GerMission- Associazione Gesù è risorto
Pubblicato da in Le Riflessioni · 3 Aprile 2018
Tags: Finoaquando?RobertoAitaDiomioSalvatoreDioèlamiaforzascrivilavisionevivràlasuafedegioirònelSignore
Fino a quando?Fino a quando, Signore, implorerò e non ascolti,
a te alzerò il grido: «Violenza!» e non soccorri?
Perché mi fai vedere l'iniquità e resti spettatore dell'oppressione?
Ho davanti rapina e violenza e ci sono liti e si muovono contese.
Non ha più forza la legge, nè mai si afferma il diritto.
L'empio infatti raggira il giusto e il giudizio ne esce stravolto.

Tu dagli occhi così puri che non puoi vedere il male
e non puoi guardare l'iniquità, perchè, vedendo i malvagi, taci
mentre l'empio ingoia il giusto?


Il Signore rispose e mi disse: «Scrivi la visione
e incidila bene sulle tavolette perchè la si legga speditamente.
E' una visione che attesta un termine, parla di una scadenza e non mentisce;
se indugia, attendila, perchè certo verrà e non tarderà».
Ecco, soccombe colui che non ha l'animo retto,mentre il giusto vivrà per la sua fede.

La ricchezza rende malvagi; il superbo non sussisterà;
spalanca come gli inferi le sue fauci e, come la morte, non si sazia.
Guai a chi accumula ciò che non è suo, e fino a quando? -
e si carica di pegni!
Guai a chi è avido di lucro, sventura per la sua casa,
per mettere il nido in luogo alto, e sfuggire alla stretta della sventura.
Guai a chi costruisce una città sul sangue
e fonda un castello sull'iniquità.
Guai a chi fa bere i suoi vicini versando veleno per ubriacarli
e scoprire le loro nudità.
Guai a chi dice al legno: «Svegliati», e alla pietra muta: «Alzati».
Ecco, è ricoperta d'oro e d'argento ma dentro non c'è soffio vitale.

Ho udito e fremette il mio cuore, a tal voce tremò il mio labbro,
la carie entra nelle mie ossa e sotto di me tremano i miei passi.
Sospiro al giorno dell'angoscia che verrà contro il popolo che ci opprime.
Il fico infatti non germoglierà, nessun prodotto daranno le viti,
cesserà il raccolto dell'olivo, i campi non daranno più cibo,
i greggi spariranno dagli ovili e le stalle rimarranno senza buoi.

PregareMa io gioirò nel Signore, esulterò in Dio mio salvatore.
Il Signore Dio è la mia forza, egli rende i miei piedi come quelli delle cerve
e sulle alture mi fa camminare.





Abacuc

Tutto è possibile a chi crede

Roberto Aita



Nessun commento

Torna ai contenuti